Loading...

martedì 5 luglio 2011

Oh, l'amour

In un anno e passa ho utilizzato rarissimamente il blog per parlare delle mie vicende personali. Non posso però fare a meno di condividere la novità che ha rivoluzionato la mia vita nell’ultimo mese. Ebbene sì, anche per me è giunto il momento di chiudere con la vita da single incallito. C’è una lei nel mio cuore e l’ha già occupato quasi completamente. In realtà, c’è sempre stata. Ci eravamo conosciuti molti anni fa, poi si sa come va a volte la vita. Fa dei giri impensabili… E poi ritorna. Forse doveva andare così. Forse era necessario un distacco così lungo. Capita spesso di apprezzare qualcosa soltanto dopo averla perduta.
È successo tutto come in un film. L’incontro, la passione travolgente, i primi dissapori e l’allontanamento in quell’età in cui non si è disposti a rinunciare a niente di sé. Ero troppo preso dai miei studi e da una vita che mi aveva portato altrove.
Ora, di nuovo il colpo di fulmine. Due miti sfatati in un sol colpo. Il colpo di fulmine esiste. Non solo, a volte concede anche il bis. Magnifico.
Sto attraversando la fase dello zerbino. La mia volontà è a livelli decimali, ne risente anche la mia produttività. Come ha osservato Francesco Alberoni in Innamoramento e amore, “il nostro amore non è nelle nostre mani, ci trascende, ci trascina e ci costringe a mutare”. Ho in mente un articolo? Spunta lei e mollo tutto. Si esce, a fare altro, in queste splendide giornate di sole. Pomeriggi in giro per i posti più belli della nostra terra. Io, lei e la natura.
Difficile prevedere quanto durerà. Forse non è nemmeno importante. Quando ci si ritrova dopo tanto tempo, c’è sempre la fretta di riguadagnare il tempo perduto e scacciare il rimpianto per essersi lasciata sfuggire la vita tra le dita. Altrimenti si finisce con il crogiolarsi nella nostalgia, pensando “a tutti i giorni che abbiamo sprecati, a tutti gli attimi lasciati andare” (Canzone per Piero, Francesco Guccini). Vivo momento dopo momento. Emozione dopo emozione. Vaticinare il futuro è una pratica che non mi affascina. Ora stiamo di nuovo benissimo insieme. Come se non ci fossimo mai lasciati.
Non so se, come Bartali nell’omonima canzone di Paolo Conte, ho il naso triste come una salita e gli occhi allegri da italiano in gita. Lungo la nostra strada non incontriamo francesi che s’incazzano e nemmeno giornali che svolazzano. Però la mia bicicletta da corsa è bellissima. 

9 commenti:

Cirano ha detto...

...sei fai il grande passo occhio ai primi sei mesi di convivenza.....comunque anche il mio è stato un ritorno....e fino ad ora è felice.....12 anni e due bimbe...del resto noi calabresi conosciamo l'arte di Ulisse: quella di ritornare...o no??!?!

Anonimo ha detto...

Auguroni per il nuovo vecchio amore...Ora non resta che il viaggio di nozze: consiglio un bel Giro d'Italia il prossimo maggio o, se proprio vuoi affrettare i tempi, una esotica Vuelta a settembre!

Mario C.

Anonimo ha detto...

Per un attimo mi sono messo paura. Un altro matrimonio no!

Il fratello esule

Carmen ha detto...

GENIO!!!

Anonimo ha detto...

stortu!

incidentata fresca ha detto...

..certi amori non finiscono..fanno dei giri immensi e poi ritornano..così canta il buon vecchio Antonello...magari si vivono per poco tempo ..ma intensamente..tanto intensamente..e lasciano un'impronta indelebile a cui sarà dolce pensare nelle stagioni buie della vita.

Francesca ha detto...

Per un attimo ci ho anche creduto....GENIALE DOMENIC..

Pippo Ascrizzi ha detto...

AUGURI.

cettina ha detto...

Ma quante ne pensi...forte però!