Loading...

sabato 24 settembre 2011

La guerra di Piero


Da più di un anno cerco di capire chi sia Piero Sansonetti, quale lo scopo di alcune sue spiazzanti prese di posizione e cosa rappresenti Calabria Ora nello scenario politico-culturale calabrese. Questa mia personale ricerca non sta approdando da nessuna parte. Forse per limiti miei. Forse perché il personaggio non si presta ad etichettature definitive. O forse perché a non essere catalogabili sono la politica e la società calabrese.
Già il suo arrivo, nell’estate 2010, fu una sorpresa. Che ci veniva a fare, in Calabria, l’ex direttore de L’Unità e di Liberazione? Calabria Ora attraversava il momento più critico dalla sua nascita, lo scontro tra gli editori e il direttore Paolo Pollichieni – di recente tornato in sella, più agguerrito che mai, con il settimanale Corriere della Calabria –, conclusosi con le dimissioni di quest’ultimo e dello zoccolo duro della redazione. Origine del terremoto, gli scoop sui rapporti tra mafia e politica, in particolare gli articoli di Lucio Musolino su alcune imbarazzanti frequentazioni del governatore Giuseppe Scopelliti e di altri politici reggini. E proprio Musolino fu la prima vittima del nuovo corso, nonostante le spallucce di Sansonetti, che addossò interamente alla proprietà il licenziamento del giornalista.
Tacciato dai detrattori di eccessivo esibizionismo, non fa nulla per nascondere il desiderio di stupire a tutti i costi, sostenendo posizioni spesso impopolari a sinistra, che gli sono valse l’accusa di collaborazionismo e intesa con il nemico. Discutibile il suo modo di argomentare lievemente ammiccante, quel “capite bene” che in genere, nei suoi articoli, precede l’affondo. Uno stratagemma per mettere con le spalle al muro il lettore, che si sente quasi obbligato a capire e condividere, anche se è di tutt’altro avviso. Non gli vengono perdonate le partecipazioni a “Porta a porta” – dove dovrebbe rappresentare il pensiero della sinistra – e i salotti frivoli e vacui dei talk show televisivi del pomeriggio. Mentre tutti i giornali di sinistra (e non solo) si scagliano contro il presidente del consiglio, Sansonetti si distingue per la condanna del tribunale mediatico (“Abbasso Santoro, viva le veline”) e l’indulgenza usata per le vicende Noemi e Ruby.
Il sensazionalismo come stella polare. Dalla morte di Lady Diana (“Scusaci principessa”), alla grazia per Anna Maria Franzoni; dalla legittimazione dell’estremismo nero di Forza Nuova, allo sdoganamento dello slogan fascista “boia chi molla”, proposto come grido di battaglia per un nuovo meridionalismo. Ancora, il tema spinosissimo della giustizia. La sottoscrizione della lettera (tra i firmatari, Fabrizio Rondolino, Claudio Velardi, Ottaviano Del Turco, Enza Bruno Bossio) che, a gennaio, scongiurava la sinistra di non farsi trascinare dal giustizialismo montante, perché “la corruzione va perseguita, ma non, come fu nel ’92-’94, decapitando una classe politica”. La lotta ingaggiata con la procura di Reggio e un garantismo sempre ostentato che improvvisamente viene meno. Per cui i pentiti non possono essere affidabili se accusano Scopelliti, ma diventano credibili se attaccano Giuseppe Pignatone. Da ultimo, il caso della collaboratrice Giuseppina Pesce, la cui ritrattazione, poi ritirata, è stata utilizzata da Sansonetti per insinuare pressioni psicologiche e confessioni estorte dal procuratore di Reggio. Una strategia difensiva – è poi emerso – che sostanzialmente si avvaleva dell’ignaro direttore di Calabria Ora (al quale l’avvocato Madia consegnò la lettera fatta firmare alla propria assistita perché “era l’unico disposto a pubblicargliela e a sposare la nostra causa”) per intorbidire ulteriormente l’aria insalubre della procura reggina. La gestione dei pentiti e delle loro rivelazioni è un aspetto essenziale del tema della giustizia. Ma un giornalista strumentalizzato non fa per niente una bella figura. E non è neanche una buona notizia.

4 commenti:

armando ha detto...

chissà perché a leggere di Sansonetti mi tornano in mente "la metamorfosi" di Kafka e Giuliano Ferrara

Anonimo ha detto...

a me non è mai piaciuto... boh a pelle!

Anonimo ha detto...

Tu chiedi cosa ci è venuto a fare Sansonetti in Calabria. Una risposta provo a dartela io, da quel poco che so e da quel tanto che posso immaginare. Non soltanto a prendersi quasi 10mila euro al mese per dirigere un giornale in una terra ed un contesto sociale che non conosce, ma anche e soprattutto per condurre una mera operazione di marketing. Calabria Ora era tacciato come "il giornale delle procure" ed i suoi editori avevano bisogno di fare pace, per un enorme gioco di interessi, con una determinata parte politica. Chi meglio del buon Piero, l'uomo per tutte le stagioni, colui che dice e non dice, che si autorproclama di sinistra ma strizza l'occhio ai neofascisti, poteva essere scelto per completare questo restyling? Ed ecco allora spiegati la riesumazione in chiave meridionalistica del "Boia chi molla", gli attacchi a Pignatone, le pseudo inchieste che hanno portato a scoprire che la 'ndrangheta non c'entra niente con gli appalti per l'A3 e tanti altri atteggiamenti del buon Piero in versione "calabrisella". L'importante è farsi notare, far capire al lettore - ma soprattutto ad una parte politica - che il vento è cambiato, che quel giornale non è più su certe posizioni. Se poi a farlo capire è una penna pur sempre autorevole come la sua, il messaggio si nota di più ed è ancora più diretto.
Sansonetti è insomma, una sorta di "messaggero di pace", non un direttore di un giornale nel vero senso della parola. Un "uomo tutto d'un pezzo" messo lì per essere buono con tutti, un cuor di leone di cui uno dei tanti slogan - stavolta non pubblicato - é "cari giornalisti, se vi minacciano o vi fanno pressioni, cambiate numero di telefono o non fatevi trovare, è semplice..."
Mario C.

Adduso ha detto...

Chi, come anche Sansonetti, ha dubbi e si pone legittimamente domande, in questa Nazione è mal visto da tutti, a cominciare dal Governo, poi dall’Opposizione ed infine dalla Magistratura. UNA NAZIONE ALLA ROVESCIA https://www.facebook.com/adduso/posts/274174505936374 . In questa Penisola abbiamo da alcuni decenni una serie di ‘’nemici’’. Le prime sono le ‘’tifoserie politiche’’, vere e proprie accozzaglie di opportunisti e mercenari capeggiati solitamente da professionisti o intellettuali oppure blasonati, pronti a svendersi chiunque per arrivismo e compiacere il proprio padre, padrone e padrino. Poi questo Governo che da vent’anni non decide nulla se non nell’interesse dei despota e degli abbienti. Dopo la Magistratura che ha fiutato l’osso (il potere) e che giovandosi della posizione forzosamente predominante sacrifica chiunque ed ogni valore pur di raggiugerlo. Infine orde di cittadini, servi del capitale, picciotti di partito e zerbini delle Istituzioni che pasturati in mezzo alla gente comune funge da spia a favore dei rispettivi referenti pur di ottenere soggettivi vantaggi. Insomma sotto il profilo morale ed ‘’umano’’ l’Italia è una Nazione sottosopra.