Loading...

domenica 27 novembre 2011

Ancora sulla discarica

Da più parti mi è stata segnalata l'impossibilità di commentare l'articolo precedente. Non sono un esperto di informatica, ma temo che dipenda dal fatto che alcuni commenti sono troppo lunghi. Ovviamente mi fa piacere sapere che il mio blog è servito ad aprire questo dibattito. Alcuni hanno scritto, altri mi hanno telefonato, altri mi hanno fermato in piazza. Bene. Il mio blog è a disposizione, chi non volesse limitarsi ad un commento, può tranquillamente farlo, inviandomi il pezzo sull'indirizzo email (forgidome@libero.it) e io provvederò a pubblicarlo. Per quanto riguarda i commenti, vi raccomando di non essere troppo lunghi (l'autobiografia di Rositano in effetti è eccessivamente lunga) e soprattutto di rispettare quelle due famose regole: libertà di opinione e divieto del turpiloquio. Pubblico di seguito un intervento che mi è stato mandato stamattina. Per motivi che comprendo, l'autrice dell'articolo mi ha chiesto se può firmarlo soltanto con l'iniziale. Acconsento perché conosco la persona.


Ho sempre seguito il blog di Dominik, sia perché ammiro la sua grande professionalità, sia perchè lo ritengo un importante veicolo di democrazia. Da mesi sento parlare della discarica in località Zingara, così come da quando si sono incendiate le famose travi della ferrovia, mi sono chiesta che cosa stia succedendo in quel posto. Mi è capitato anche di vedere dei tir con targa straniera imboccare la via della discarica, e mi è suonato in testa un altro campanello: nel nostro territorio succedono spesso cose molto poco chiare. Ho cercato di saperne di più nel mio piccolo, ma pochi sono informati sull’argomento. Ho letto gli articoli che Rositano ha disseminato nel territorio, ma nonostante la professionalità decantata dei giornalisti, non mi sembra che essi illuminino la questione da tutti i lati. Quindi, sempre in ritardo, mi sono collegata nel sito del Tributarista Ambulante, ma vi ho ritrovato soltanto i due famosi articoli, che non mi possono bastare. Alla fine mi sono rivolta a Dominik che ha colmato altri tasselli che mancavano, perché ha trattato l’argomento in una prospettiva più ampia. La risposta di Mimmo Rositano è stata ancora più illuminante.
Caro signor Rositano, io ammiro tutte le lotte che hai fatto fino ad adesso, e ti ringrazio per tutto quello che stai facendo per il futuro dei nostri figli, davvero spesso hai dato voce ai nostri dubbi, e alla nostra indignazione, e mi sono chiesta perché alla fine sono così pochi quelli che ti seguono. La risposta che mi sono data stava sicuramente in una caratteristica degli Eufemiesi che siamo pronti a dire mille parole su chi sbaglia e spenderne veramente poche per chi fa qualcosa di buono. Anch’io mi sono indignata con le Associazioni che non hanno aiutato ad approfondire questo problema, e mi sono vergognata perché anche io nel mio ruolo di cittadina, non mi sono informata abbastanza e non ho fatto nulla.
Ma davanti alla risposta che hai dato a Saverio, che ha peccato nel farsi prendere un po’ troppo dalla passione che, nelle sue buone intenzioni, lo distingue, mi chiedo quanto tu dia spazio all’altro, e quanta sia stata cercata la COLLABORAZIONE degli altri. Se vuoi che ti aiutiamo, Mimmo, ci devi informare. Quelle cose che hai scritto nel blog io non le sapevo, e vorrei conoscerle in maniera più approfondita. Rendici informati, dacci la possibilità di fare qualcosa, nella consapevolezza però. Non tutti possiamo stare nelle piazze per sentirne le voci, non tutti possiamo partecipare ai Consigli Comunali, ma oggi tutti abbiamo un computer e nei pochi ritagli di tempo che abbiamo possiamo informarci. Tanti, in questa situazione dobbiamo fare il mea culpa, ma non è il momento di imitare i capponi di Renzo e beccarci l’un l’altro, c’è un problema serio, un problema, che tutti te lo riconosciamo, hai messo tu in luce, ma che è comune.
Come diceva Kissinger la democrazia è quella che nasce dal basso, prima devono essere democratici i cittadini e poi lo diviene il governo; sta a noi essere informati e chiedere risposte concrete, altrimenti mai nessuno ce le calerà spontaneamente dall’alto.
C.

9 commenti:

Carmen ha detto...

Concordo in pieno. Diffondendo su fb l'articolo di Domenic ho scritto nell'intestazione che potrebbe essere un piccolo passo per il bene comune anche solo diffonderlo ed informarsi. Io ho scoperto i vari problemi della discarica attraverso questo blog. Purtroppo sono lontana dal paese per motivi di studio e Domenic, attraverso questa splendida finestra virtuale, è il mio contatto diretto con tutto quello che accade da noi.
Usiamo le possibilità delle rete per darci da fare! :)
Un abbraccio!

CIRCOLO LEGAMBIENTE ASPROMONTE ha detto...

Pregiatissima lettrice per poterla informare di tutto il tempo che ho dedicato alla discarica ci vorrebbe altro che un blog, ma un programma televiso. le posso dire che la problematica della discarica e' molto lunga e complessa. Io per capirla sono stato dietro 6 mesi. se lei vuole delucidazionI in merito, in qualità di presidente di legambiente sono disponibile ad un incontro insieme ai soci nella sede telefondomi al 331 5793991,dove le faremo vedere tutto il grande lavoro che abbiamo fatto. Io non posso portare dietro 6 mesi di approfondite ricerche e lavoro,se lei non ha potuto leggere," dato che ha poco tempo" i quotidiani, io li ho archiviati. e' stata pubblicata in maniera tecnica la problematica sia sui quotidiani, su facebook: circolo legambiente Aspromonte e un servizio su rai 3 il 6 ottobre, fatto da uno dei piu'noti giornalisti calabresi che e' Andrea Musumeci che lei puo' trovare su youtube all'indirizzo discarica la zingara .Per quanto riguarda i ritagli di tempo penso che se uno vuole il tempo lo trova io l'ho trovato.Poi penso che per risolvere certe problematiche non e' questione di tempo solo, ma anche di coraggio.Concludo "ARMAMUNDI E PARTI" COME AL SOLITO
DOMENICO ROSITANO IL TRIBUTARISTA AMBULANTE PRESIDENTE DI LEGAMBIENTE ASPROMONTE

Anonimo ha detto...

EGREGIO PRESIDENTE DI LEGA AMBIENTE
Ho già fatto il mea culpa per non aver approfondito tale argomento, e la ringrazio di avermi fornito il suo numero di cui farò un sapiente uso nel prossimo futuro. Le chiedo gentilmente però un favore: visto che ormai in molti seguiamo questo blog relativamente a tale vicenda potrebbe rispondere a questa mia domanda? Perché ha querelato la multinazionale francese che scarica in località Zingara?
Che tipo di rifiuti tratta? Si tratta di una domanda che penso ci stiamo facendo in molti, anche perché tutti sappiamo che la Francia ha dei rifiuti particolari che cederebbe volentieri ad un altro territorio.
Grazie ancora per l’attenzione

circolo legambiente aspromonte ha detto...

Gli ho fornito il mio numero di telefono sa chi sono mi contatti le spieghero tutto.Io preferisco parlare di grossi argomenti con un interlocutore non virtuale.Dico questo perche' c'e' un indagine in corso.Aggiungo,anchio sui rifiuti mi sono posto le mie domande e sono andato a cercarmi le risposte.Adesso la saluto spiego perche' mi trovo su questo blog solo perchè mi e' stato segnalato e per fare delle precisazioni. I luoghi per ogni chiarimento sono quelli della sede di legambiente vi saluto se volete delle risposte non mi troverete certo su questo blog e l'ultima volta che entro avete il mio numero contattatemi nel modo come hanno fatto persone interessate, associazioni, giornalisti e istituzioni loro sono stati interessati alla problematica sono venuti a trovarmi in sede per documentarsi sono stati molto attenti alla problematica e mi hanno aiutato con i loro mezzi a disposizione. Adesso il lavoro miticoloso e concluso mi dispiace per quelli che fino ad oggi erano in letargo ma la problematica era sotto gli occhi di tutti senza che nessuno muovesse un dito. i miei contatti sul grosso social network della rete sono : domenico rositano il tributaristambulante. circolo legambiente aspromonte.Contro la discarica dei veleni.Santeufemia giovani e idee. io sono l'amministratore grazie e buonasera.
MIMMO ROSITANO PRESIDENTE DI LEGAMBIENTE ASPROMONTE

Domenico ha detto...

"Adesso la saluto spiego perche' mi trovo su questo blog solo perchè mi e' stato segnalato e per fare delle precisazioni".

Lascio ai lettori ogni ulteriore riflessione. Io sottolineo solo una cosa: ritrovarsi su questo blog non è una cosa negativa, anzi. Se non sbaglio il sito di legambiente, aperto da almeno sei mesi, ha 250 visualizzazioni. Quelle che questo sito fa in meno di una settimana.

Domenico ha detto...

Ho cancellato il farneticante commento di un coraggiosissimo e anonimo rocco aspromonte (?!) non per evitare di eludere le domandone che poneva, ma perché penso che prima di entrare in casa altrui bisogna pulire le scarpe... Riguardo alle copie del mio libro che ha acquistato il comune non sono 80, sono molte di meno e non ci trovo niente di scandaloso. Se il coraggiosissimo e anonimo rocco aspromonte fosse in grado di scrivere un libro anche di barzellette il comune sarebbe tenuto a comprarlo solo perché è stato scritto da un eufemiese. Dove siano le copie non lo so, la casa editrice le ha consegnate al comune, quindi il coraggiosissimo e anonimo rocco aspromonte dovrebbe andare a chiedere là.
Riguardo invece a quello che faccio o meno, non ho mai avuto problemi di questo tipo. Se faccio qualcosa non appendo manifesti in giro, se non ne faccio non devo dare conto al coraggiosissimo e anonimo rocco aspromonte.
Comunque, la finalità di questo blog non è litigare con nessuno, tanto meno con il coraggiosissimo e anonimo rocco aspromonte.
PS: non ho mai detto di volere essere chiamato giornalista. Se qualcuno mi chiama così è perché lo sono. Se ne faccia una ragione il coraggiosissimo e anonimo rocco aspromonte.

Carmen ha detto...

Io trovo davvero assurdo tutto questo. Si sfiora il ridicolo adesso. Addirittura il problema è diventato quante copie del libro di Domenic sono state acquistate dal comune?! Ma per piacere... Limitiamoci ai fatti: il GIORNALISTA Domenico Forgione (che ha tanto di tesserino, come tempo fa ha raccontato sul suo blog) ha chiarito per bene punti della faccenda discarica poco chiari o mal precisati da altri. Il suo blog evidentemente ha una presa migliore di altri sui cittadini che lo vanno a consultare e la notizia ha avuto la risonanza che doveva avere. PUNTO. C'è poco da aggiungere.

Anonimo ha detto...

e perche' sono tutti spariti sono sicuro che i libri non sono mai arrivati dato che in biblioteca c'e ne uno solo? rocco aspromonte

Domenico ha detto...

Ecco qua ti volevo. Visto che sei bravo a fare denunce, fai pure questa e vediamo se i libri sono arrivati o meno in biblioteca. Come risarcimento per le cazzate che dici chiedo soltanto i soldi per comprare un dizionario della lingua italiana che ti regalerò, coraggiosissimo e anonimo rocco aspromonte