Loading...

mercoledì 25 luglio 2012

Millenovecentotrentaseivirgolaottanta

Ora sappiamo quanto vale la vita di un precario. Neanche duemila euro. Per la precisione, 1936,80. È il risarcimento assegnato dall’Inail alla madre di Matteo Armellini, l’operaio trentunenne morto a Reggio Calabria, lo scorso 5 marzo, schiacciato dal palco in allestimento per il concerto di Laura Pausini.
A determinare l’ammontare della vergognosa cifra, la bassa retribuzione di Matteo, lavoratore privo di alcuna tutela (men che meno della copertura assicurativa), senza precisi orari di lavoro (a volte, turni di sedici ore) e senza uno stipendio regolare. Destino comune a tanti giovani, laureati (in storia, Matteo) e non, costretti ad accettare condizioni da schiavi pur di sbarcare il lunario. O ti mangi questa minestra…
Sarebbe da sporchi comunisti pretendere che vite del genere valgano quanto quella di alti dirigenti e politici, che percepiscono stipendi di centinaia di migliaia di euro e per i quali (o almeno per i loro familiari) anche la morte diventa un affare, ma qua siamo di fronte all’insulto, all’inaccettabile offesa della dignità umana. Dignità che si stupra anche definendo l’obolo elargito “risarcimento per infortunio e malattia professionale”, mentre – sostiene la madre, che ha sporto denuncia e pretende giustizia – “Matteo non aveva ancora cominciato a lavorare”.
Mi rifiuto, mi rifiuterò sempre di accettare che il valore delle persone lo stabiliscano il mercato e gli stipendi loro assegnati o che esistano persone più uguali di altre: l’esiguità della somma liquidata dipende, infatti, anche dalla circostanza che Matteo non aveva moglie, né figli.
Piero Sansonetti, dalle colonne di “Calabria Ora”, ha lanciato una proposta, chiedendo a Laura Pausini, attualmente impegnata nella preparazione di un concerto con Pino Daniele, di sospendere tutto “finché l’Inail non chiederà scusa e non moltiplicherà per mille il risarcimento a Matteo”.
Io credo che la cantante romagnola possa fare di più e più in fretta. Conosciamo i tempi biblici della giustizia italiana e conosciamo anche le doti umane di un’artista spesso promotrice di importanti iniziative di solidarietà. Sarebbe bello se, autonomamente, Laura Pausini decidesse di tenere un concerto in memoria di Matteo per devolvere alla madre l’incasso dello spettacolo.

6 commenti:

Matteo Vocale ha detto...

Io mi continuo a chiedere come mai ancora si dia contro a Laura che palesemente NON ha colpe per quanto è accaduto. Matteo Armellini lavorava per una ditta esterna per gli assemblaggi dei palcoscenici, che disgraziatamente quello che è successo, è successo durante il montaggio del palco di Laura è pura casualità il palazzetto NON era agibile ed il pavimento ha ceduto. Io credo che Laura abbia già fatto moltissimo e abbia anche cercato di fare di più, ricordiamoci che è stata proprio la mamma di Matteo e i suoi amici a chiedere tramite giornali e ansa il silenzio di Laura non volevano neanche che sprecasse parole ai suoi concerti per l'accaduto nè gliene dedicasse uno! quando lei lo stava già facendo! Laura come tutti noi e come tutto il suo entourage NON dimentica ciò che è accaduto perchè certe cose NON si dimenticano! quello che non funziona sono le istituzioni e quelle ignobili leggi che ci sono in questo stato! bisogna prendersela davvero con chi di dovere! è facile dare contro ad un Artista per farla sentire ancora più responsabile ci quello che NON è!! non trovate??

Matteo

Francesco ha detto...

Matteo il punto non è, a mio avviso, di stabilire di chi è la colpa , di cosa poteva e può fare la Pausini, il punto è, come ben evidenziato da Domenik, che la vita di un ragazzo di 30 anni non può e non deve valere € 1.936,80. E’ a dir poco aberrante attribuire alla vita di un lavoratore un valore direttamente proporzionale a quello dello stipendio che percepisce che, nella stragrande maggioranza dei casi, è, peraltro, inversamente proporzionale all’età anagrafica dello stesso. La vita umana non ha prezzo e se proprio un valore economico gli si deve attribuire, come in questo tragico caso, non si possono fare discriminazioni basate sulle tutele offerte da questo o quel tipo di contratto di lavoro ma, almeno davanti a queste tragedie, il principio di uguaglianza , colonna portante di ogni società civile, dovrebbe prevalere.
Francesco

Domenico ha detto...

Non mi sembra di avere scritto da nessuna parte che Laura Pausini abbia delle colpe, né "sono andato contro" di lei. Anzi, ho detto che è un artista sensibile e per questo auspico un suo intervento diretto.

Carmine Volpe ha detto...

bisognerebbe anche fare qualche cosa per dire che qualuche lavoro si faccia bisogna essere tutelati, il lavoro precario non viole dare precarietà delle struttere e delle tutele

nella ha detto...

L'idea della Pausini con un concerto benefico sarebbe meravigliosa, ma la cosa veramente dura è la quantificazione miserabile di una morte!

Matteo Vovò ha detto...

Che la quantificazione fatta dall'INAIL sia INDECENTE questo è senza dubbio alcuno! è a dir poco squallido su questo siamo tutti d'accordo ma bisognerebbe rimuovere quanto prima ilo marcio che c'è dietro certe istituzioni per certe cose non possono sentirsi, per quanto riguarda Laura Pausini sono sicuro che qualcosa farà, anche in forma privata se non lo ha già fatto da tempo, per il concerto benefico non saprei ripeto, la mamma di Armellini e gli amici avevano già in precedenza chiesto a Laura Pausini di non dedicare concerti a lui, nè di "sprecare" parole per lui ai concerti, Laura ha rispettato questo silenzio richiesto non so se potrà fare un concerto a lui dedicato ma ripeto in forma privata sono sicuro che si sarà già mossa o se non lo ha fatto sono sicuro che lo farà!